COMUNICATO STAMPA – DONNA CONDANNATA A 30.000 EURO PER CONTINUA DENIGRAZIONE DEL PADRE DEI FIGLI

DONNA CONDANNATA A 30.000 EURO PER CONTINUA DENIGRAZIONE DEL PADRE DEI FIGLI

“GIUSTA LA SANZIONE MA EVITANDO SEMPRE  DI MERCIFICARE GLI AFFETTI”

Il Tribunale di Roma ha condannato una madre a risarcire con 30.000 euro il padre da lei denigrato agli occhi di uno dei tre figli.

La decisionecommenta AIAF – Associazione Italiana per la Famiglia e per i Minori non è la prima di questo genere,  poiché si basa su una legge di 10 anni fa. Il clamore derivante dalla cifra concessa va in realtà ridimensionato; si trattava infatti  di un divorzio molto conflittuale, con uno dei figli che rifiutava da tempo di vedere il padre anche per colpa della continua denigrazione fatta dalla mamma, donna assai benestante”.

“La cifra di 30.000 euro, sicuramente importante, è motivata dalla  gravità dei fatti ed è commisurata alla situazione patrimoniale della donna; una somma inferiore, probabilmente,  non l’avrebbe dissuasa dal proseguire nel suo comportamento non corretto”.

AIAF evidenzia l’importanza della decisione in quanto  conferma, indirettamente,  che  il risarcimento del danno  può essere un valido  strumento di  cui, però,  non si deve mai abusare, per evitare di “mercificare” gli affetti.