11 Marzo 2018 | Legislazione e giurisprudenza Sentenza Tribunale

CAMBIO DI SESSO – INTERVENTO CHIRURGICO

CAMBIO DI SESSO – INTERVENTO CHIRURGICO
Il Tribunale Civile di Palermo con sentenza dei 23-30/01/2018 ponendosi sulla stessa scia della Cassazione, della Corte Europea dei diritti dell’Uomo e della Corte Costituzionale, ha ritenuto che l’intervento chirurgico demolitorio modificativo dei caratteri sessuali anatomici primari, non deve ritenersi obbligatorio ai fini della rettificazione del sesso. È al singolo che viene rimessa la scelta delle modalità attraverso le quali realizzare, con l’assistenza del medico e di altri specialisti, il proprio percorso di transizione, fermo restando che prevalgono gli aspetti psicologici, comportamentali e psichici che concorrono all’identità di genere. Il Tribunale ha accertato la scelta operata dalla stessa donna che ha la ferma volontà di trasmigrare nel sesso maschile così come fermamente manifestato dalla giovane in sede di comparizione personale avanti al Giudice Istruttore. Continua il Tribunale sostenendo che è obbligatorio verificare attraverso un rigoroso accertamento giudiziale le modalità attraverso le quali il cambiamento è avvenuto ed il suo carattere definitivo pur essendo, l’intervento chirurgico, soltanto uno strumento eventuale di ausilio.