20 Dicembre 2019 | Vita professionale

CDN AIAF RIMINI – Giornate di autoformazione 18 – 19 ottobre 2019

CDN AIAF RIMINI – Giornate di autoformazione 18 – 19 ottobre 2019
Gruppo di studio sul processo: Il gruppo di studio si è concentrato sulle criticità che sussistono a seguito della  sovrapposizione del giudizio di divorzio su quello ancora in corso di separazione,   fenomeno processuale sempre più frequente a seguito della riforma sul divorzio breve ad opera della legge n.55/2015. Le questioni più spinose emerse e affrontate dal gruppo attraverso un confronto comparativo delle esperienze e delle soluzioni date dalle diverse sedi giudiziarie sono le seguenti: trasmigrazione degli atti dal procedimento di separazione a quello di divorzio;  potere del Presidente nel giudizio di divorzio di riesaminare il caso anche in via di urgenza nella pendenza del giudizio di separazione,  sia con riguardo alle domande relative alla prole che con riguardo alle richieste economiche dell’un coniuge nei confronti dell’altro, e in quest’ultimo caso, in che ambito, se con poteri di modifica dei provvedimenti di separazione per fatti nuovi sopravvenuti, o in forza di un potere cautelare anticipatorio sul giudizio conclusivo sull’assegno divorzile; potere cautelare di modifica del G.I. nel giudizio di divorzio, a seguito di sentenza parziale sullo status divorzile;  decorrenza della statuizione sull’assegno divorzile; rapporto tra domanda di addebito nella separazione e rilevanza del criterio delle ragioni della decisione nel giudizio di divorzio seguito alla luce della sentenza a Sezioni Unite n.18287/18.
Disamina sulla fattibilità da un punto di vista normativo  della riunione dei due procedimenti e di conseguenza sulla opportunità di avviare  un nuovo corso per cui si giunga  in sede giudiziaria alla abrogazione  del doppio binario attualmente obbligatorio (separazione – divorzio) per un unico giudizio nel quale un unico giudice della famiglia esamina il rapporto coniugale alla stregua dei principi delle sezioni Unite. – Avv. Giulia Sarnari.