Corso di formazione dell’avvocato per la difesa dei minori

Sede

Verona, 3 ott 2003 - 23 apr 2004

Date e Orari

03 Ottobre 2003 |
stato iscrizione: Chiusa
















 









AIAF

Associazione italiana avvocati per la famiglia e per i minori

Sezione veneto



con il patrocinio di:

Ordine degli avvocati di Verona


con la partecipazione di:

Osservatorio sul diritto di famiglia


e della

Sezione penale di Verona dell'Associazione Nazionale Forense


con il contributo della

Banca Popolare di Verona

Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara



Corso di formazione dell'avvocato
per la difesa dei minori

(L. 149/2001 e L. 77/2003)



15 lezioni

dal 3/10/2003 al 23/04/2004


La legge 28 marzo 2001 n. 149
ha riformato la procedura per la dichiarazione di adottabilità e
le procedure di cui all'art. 336 c.c., introducendo un processo
minorile più giusto e attribuendo un più significativo valore al
contraddittorio con maggiori garanzie per tutte le parti
coinvolte.


L'art. 8 della riformata
legge 184/83 contiene ora il principio che "il procedimento di
adottabilità deve svolgersi fin dall'inizio con l'assistenza
legale del minore e dei genitori o degli altri parenti". L'art. 37
della legge modifica poi l'art. 336 c.c. disponendo che "per i
provvedimenti di cui ai commi precedenti i genitori e il minore
sono assistiti da un difensore, anche a spese dello Stato nei casi
previsti dalla legge" per cui introduce l'obbligatorietà della
difesa tecnica per i genitori e per i minori nei procedimenti di
limitazione e decadenza della potestà genitoriale. Nella G.U. del
26/4/2001 era stato pubblicato il D.L. 24/4/2001 n. 150 che
rinviava l'entrata in vigore della disciplina concernente
l'obbligo della difesa previsto dalla legge 149/01.


Ciò in quanto nel nostro
ordinamento processuale civile non esiste una disciplina del
difensore d'ufficio, per cui il legislatore, per attuare le
previsioni della legge 149/01, avrebbe dovuto introdurre una
normativa di attuazione molto articolata che non ha avuto il tempo
di prevedere.


II rinvio è stato reiterato
con il D.L 126/2002 ed il recente decreto 27/6/2003 e a questo
punto appare abbastanza evidente che il legislatore sì è dovuto
far carico non tanto di una mancanza di volontà per l'attuazione
di cui sopra, ma, probabilmente, della mancanza dei mezzi
finanziari.


Con la legge 20/3/2003 n. 77
è stata, poi, ratificata la Convenzione Europea di Strasburgo del
25/1/96, che prevede nel suo articolato la concessione a favore
dei minori di "diritti procedurali" ed ha per oggetto la
possibilità che gli stessi "direttamente o per il tramite di altre
persone od organi" siano informati "ed autorizzati a partecipare
alle procedure che li riguardano dinnanzi ad una autorità
giudiziaria" (art. 1).


La normativa prevede anche
(art. 4) "la designazione di un rappresentante speciale (del
minore) nelle procedure dinnanzi ad una autorità giudiziaria" e
all'art. 14 prevede il "patrocinio legale gratuito e consulenza
giuridica" che, se previsto dal "diritto interno", va applicato
alle materie regolate dalla Convenzione.


II legislatore non potrà
eludere ancora per molto la necessità di regolamentare il modello
di difensore e/o di rappresentanza degli interessi del minore che
le leggi summenzionate prevedono.


L'AIAF in collaborazione
con il Centro per la formazione e l'aggiornamento professionale
degli avvocati del Consiglio Nazionale Forense si è fatta carico
dell'attività di formazione e aggiornamento dell'avvocato che si
occupa del diritto di famiglia e, in relazione alle norme su
ricordate, della formazione del difensore degli interessi del
minore, la cui regolamentazione normativa non può essere, come
detto, rinviata ancora a lungo.


II modello che il legislatore
potrebbe prendere come riferimento potrebbe essere quello del
difensore previsto nella normativa del patrocinio a spese dello
Stato cui fa riferimento la legge 29/3/2001 n. 134, laddove ha
generalizzato a tutte le procedure civili l'ammissione al
patrocinio a spese dello Stato, oppure potrebbe prendere a
riferimento la normativa che prevede il difensore d'ufficio nei
procedimenti penali che, tra l'altro, attribuisce agli Ordini
Forensi il compito di predisporre elenchi di avvocati  che abbiano
specifica preparazione nel diritto minorile (art. 11 DPR 22/9/1998
n. 448) e prevede un aggiornamento dell'elenco degli avvocati
disponibili come previsto dall'art. 15 del DL 28/7/1989 n. 272 che
contiene le norme di attuazione del su richiamato DPR n. 488/88.
Nell'ambito della necessaria preparazione specifica che l'avvocato
interessato alla difesa del minore deve avere, rientra anche la
partecipazione a corsi di formazione, che consentirà di dimostrare
di avere "frequentato corsi di perfezionamento e aggiornamento per
avvocati nelle materie attinenti il diritto minorile e le
problematiche dell'età evolutiva", come previsto proprio dall'art.
15, 2° comma del DL 28/7/1989 n. 272.


Organizzando questo corso I'AIAF
e l'Ordine degli Avvocati di Verona, con la partecipazione
dell'Osservatorio sul Diritto di Famiglia e della Sezione Penale
della ANF di Verona, ritengono di aver assolto ad un compito
fondamentale per la formazione dell'Avvocato del Minore.


Un sentito ringraziamento a
tutti i Relatori che con il loro prestigio e la loro competenza
daranno un significativo e stimolante contenuto scientifico al
Corso ed un ringraziamento particolare alla Banca Popolare di
Verona che, con la sensibilità culturale che la distingue, ha
concesso il suo patrocinio, permettendo di realizzare questo
impegnativo percorso formativo.


3 ottobre 2003, ore 16,00


Palazzo della Gran Guardia - Sala convegni

p.zza Bra - Verona


Saluto ai partecipanti


Avv. Alessandro Sartori, Presidente AIAF
Sezione Veneto


Avv. Laura Pernigo, Presidente Ordine Avvocati
di Verona


Avv. Carlo Fratta Pasini, Presidente Banco
Popolare di Verona e Novara


ore 16.15


Lectiones Introduttive


Presiede:


Dott. Giovanni Massagli, Presidente Corte
d'Appello di Venezia


Gli indirizzi del Diritto civile che riguardano
la famiglia e la tutela del minore


Prof. Avv. Giovanni Gabrielli, Ordinario di
Diritto Civile Facoltà di Giurisprudenza - Università di Trieste


Gli indirizzi del Diritto penale che riguardano
la famiglia e la tutela del minore


Prof. Avv. Vincenzo Scordamaglia, Ordinario di
Diritto Penale Facoltà di Giurisprudenza - Università Tor Vergata
di Roma


  


Sala Convegni - Banco Popolare di
Verona e Novara

Via Zimbelli 1 - Verona


10
ottobre 2003 - ore
16.00


La tutela del minore nei giudizi civili avanti
il Tribunale per i Minorenni


Dott.ssa Graziana Camponato, Presidente del
Tribunale per i Minorenni di Venezia


Coordina: Avv. Alessandro Sartori


24 ottobre
2003
- ore 16.00


La tutela del minore nei giudizi penali avanti
il Tribunale per i Minorenni


Dott. Gustavo Sergio, Procuratore della
Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Venezia


Coordina: Avv. Paolo Pellicini, Sez. Penale
ANF Verona


7 novembre
2003
- ore 16.00


II minore soggetto-oggetto di consulenza tecnica
nei procedimenti che lo riguardano


Prof. Marco Ragazzi, Medico psicoterapeuta,
Psichiatra forense, Genova


Coordina: Dr.ssa Gianna Forato


5 dicembre
2003 -
ore 16.00


II giusto processo civile minorile


Prof. Ferruccio Tommaseo, Ordinario di Diritto
Processuale civile Facoltà di Giurisprudenza - Università di
Trieste


Coordina: Avv. Gabriella De Strobel


16 gennaio
2004 -
ore 16.00


L'ascolto del minore nei procedimenti civili


Prof.ssa Marisa Malagoli Togliatti, Ordinario
dl Psicologia Dinamica all'Università La Sapienza di Roma,
Direttore del Centro interdipartimentale per la tutela del minore


Il disagio dei minori:indicatori verbali e non
verbali


Dott.ssa Annalisa Naspri, Psicoterapeuta della
famiglia, perito del Tribunale di Roma, mediatore familiare


Coordina: Avv. Cinzia Mazzi


30 gennaio
2004 -
ore 16.00


L'intervento e le funzioni dei servizi nei
procedimenti civili e penali


Dott.ssa Maria Scudellari, Responsabile Area
Famiglia USL 20 - Veneto


Dott. Alessandro Padovani, Psicologo,
Componente Privato Tribunale per i Minorenni di Venezia


Coordina: Avv. Barbara Maria Lanza,
Osservatorio sul Diritto di FamIglia - Sez. Verona


13 febbraio
2004 -
ore 16.00


La mediazione familiare


Dott.ssa Isabella Buzzi, Presidente
Associazione Italiana Mediatori Familiari, Presidente Forum
Europeo Mediazione Familiare


Coordina: Avv. Daniela Turci


27 febbraio
2004 -
ore 16.00


Il giusto processo penale minorile


Prof.ssa Adonella Presutti, Ordinario di
Diritto Processuale Penale Facoltà di Giurisprudenza - Università
di Verona


Coordina. Avv. Stefano Marcollni


12 marzo 2004 - ore 16.00


Il minore autore di reato


Prof.ssa Silvia Larizza, Ordinario di
Criminologia Facoltà di Giurisprudenza - Università di Pavia


Coordina: Prof Avv. Lorenzo Picotti


19 marzo
2004  -
ore 16.00


La tutela dei minori nei procedimenti di
separazione e divorzio


Prof.ssa Manuela Mantovani, Professore
Associato di Diritto Privato Facoltà Scienze Politiche -
Università di Padova


Coordina. Avv. Cristina Begal


26 marzo
2004  -
ore 16.00


Il minore vittima di maltrattamenti ed abusi


Prof. Avv. Lorenzo Ricotti, Ordinario di
Diritto Penale Facoltà di Giurisprudenza - Università di Trento


Coordina: Avv. Renzo Rizzati


2 aprile 2004
- ore
16.00


La tutela della riservatezza del minore tra
valori costituzionali e disciplina processuale


Avv. Anna Limonati, Ricercatrice presso la
Facoltà di Giurisprudenza Università di Trento


Avv. Stefano Marcolini, Dottore di Ricerca
Assegnistico presso l'Università dell'Insubria sede di Como


Coordina: Avv. Anna Maria Rossi


23 aprile
2004 -
ore 16.00


Palazzo della Gran Guardia - Verona - piazza Bra
Sala Convegni


Tavola rotonda Conclusiva del Corso sulla
rappresentanza in giudizio del minore e sulle prospettive di
applicazione della normativa in merito


Presiede e Coordina:


Prof. dott. Vincenzo Carbone, Presidente di
Sezione - Corte di Cassazione


Partecipano:


Dott.ssa Graziana Camponato, Presidente del
Tribunale per i Minorenni di Venezia


Prof. Ferruccio Tommaseo, Ordinario di Diritto
Processuale Civile Facoltà di Giurisprudenza - Università di
Trieste


Prof Avv. Lorenzo Ricotti, Ordinario di
Diritto Penale Facoltà d Giurisprudenza - Università di Trento