02 Novembre 2020 | Legislazione e giurisprudenza Ordinanza Cassazione

Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza 1° luglio – 17 settembre 2020, n. 19323 – Affido condiviso – principio di frequentazione paritaria – prevale l’interesse superiore del minore

Affido condiviso – principio di frequentazione paritaria – prevale l’interesse superiore del minore

Il Giudice rigetta la domanda del padre e rileva che in tema di affido condiviso del minore, la regolamentazione dei rapporti con il genitore non convivente non può avvenire sulla base di una simmetrica e paritaria ripartizione dei tempi di permanenza con entrambi i genitori, ma deve essere il risultato di una valutazione ponderata del giudice del merito che, partendo dall’esigenza di garantire al minore la situazione più confacente al suo benessere e alla sua crescita armoniosa e serena, tenga anche conto del suo diritto a una significativa e piena relazione con entrambi i genitori e del diritto di questi ultimi a una piena realizzazione della loro relazione con i figli e all’esplicazione del loro ruolo educativo. Qualora la distanza esistente tra i luoghi di vita dei genitori imponga al minore di sopportare tempi e sacrifici di viaggio tali da comprometterne gli studi, il riposo e la vita di relazione, il giudice può individuare un assetto nella frequentazione che si discosti dal tendenziale principio di frequentazione paritaria, al fine di assicurare al bambino la situazione più confacente al suo benessere e alla sua crescita armoniosa e serena.