20 Dicembre 2019 | Giurisprudenza Legislazione e giurisprudenza Ordinanza Cassazione

PRESCRIZIONE: RESPONSABILITA’ DEL LEGALE

PRESCRIZIONE: RESPONSABILITA’ DEL LEGALE
La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 28629/2019, ha ribadito un principio già espresso in precedenza secondo cui “le obbligazioni inerenti all’esercizio dell’attivita’ professionale sono, di regola, obbligazioni di mezzi e non di risultato, in quanto il professionista, assumendo l’incarico, si impegna a prestare la propria opera per raggiungere il risultato desiderato, ma non a conseguirlo. Pertanto, ai fini del giudizio di responsabilita’ nei confronti del professionista, rilevano le modalita’ dello svolgimento della sua attivita’ in relazione al parametro della diligenza fissato dall’articolo 1176 c.c., comma 2, che e’ quello della diligenza del professionista di media attenzione e preparazione. Sotto tale profilo, rientra nell’ordinaria diligenza dell’avvocato il compimento di atti interruttivi della prescrizione del diritto del suo cliente, i quali, di regola, non richiedono speciale capacita’ tecnica, salvo che, in relazione alla particolare situazione di fatto, che va liberamente apprezzata dal giudice di merito, si presenti incerto il calcolo del termine. Mentre non ricorre tale ipotesi allorche’ l’incertezza riguardi non gia’ gli elementi di fatto in base ai quali va calcolato il termine, ma il termine stesso, dovendosi se del caso tutelare la parte in ragione del termine piu’ breve ipotizzabile (Cass., 14/02/2017, n. 3765)”.