28 Maggio 2018 | Giurisprudenza Legislazione e giurisprudenza Sentenza Cassazione

PRESTAZIONE PROFESSIONALE – APPROPRIAZIONE INDEBITA

PRESTAZIONE PROFESSIONALE – APPROPRIAZIONE INDEBITA

Con  recente sentenza n. 10977 del 2018 la Corte di Cassazione ha condannato un avvocato per appropriazione indebita.
Nel caso di specie il legale ha riscosso indebitamente un credito vantato dalla società dallo stesso rappresentata in giudizio sostenendo di avere ricevuto l’autorizzazione verbale da parte del cliente alla riscossione del credito al fine di compensare quanto dovuta per prestazione professionale.
La Corte, infatti, ribadisce che “quand’anche sussistessero eventuali crediti professionali, nel reato di appropriazione indebita non opera il principio della compensazione con credito preesistente, allorché si tratti di crediti non certi, né liquidi ed esigibili. E i crediti di cui si è parlato erano tutti incerti illiquidi e contestati”.