28 Luglio 2018 | Giurisprudenza Legislazione e giurisprudenza Sentenza Cassazione

REATO PEDOPORNOGRAFIA RICHIESTA SELFIE HOT

REATO PEDOPORNOGRAFIA RICHIESTA SELFIE HOT

Con sentenza n. 39039 del 28 agosto 2018, la Corte di Cassazione  ha condannato in via definitiva un ragazzo per il reato di produzione di materiale pedopornografico ex art. 600-ter, comma primo, cod. pen., per essersi fatto inviare dalla propria fidanzata minorenne alcune fotografie dalla medesima prodotte che ritraevano le sue parti intime o la ritraevano mentre compiva atti di autoerotismo, su iniziativa e richiesta di quest’ultimo. La vicenda de quo è stata l’occasione per ribadire che il reato in esame può essere escluso solo ove si sia in presenza di “selfie” prodotti dal minore autonomamente e volontariamente scattati, mentre lo stesso deve ritenersi configurabile ove, come nel caso di specie, la realizzazione delle immagini pornografiche da parte della minore sia stata indotta dall’imputato anche con la violenza, situazione questa che integra la condotta induttiva punita ex art. 600-ter, c.p..