29 Marzo 2020 | Giurisprudenza Legislazione e giurisprudenza Ordinanza Cassazione

Riduzione dell’assegno del mantenimento all’ex-moglie che non cerca lavoro

Cass. Civ. n. 3661/2020
Con l’ordinanza n. 3661/2020, la Corte di Cassazione rigetta il ricorso dell’ex- coniuge. Gli Ermellini, nel riconoscere e nel quantificare l’assegno di divorzio, ritengono rilevanti “le capacità dell’ex coniuge di procurarsi i mezzi di sostentamento e le sue potenzialità professionali e reddituali, piuttosto che, come ritiene parte ricorrente, le occasioni concretamente avute dall’avente diritto di ottenere un lavoro. Infatti se la solidarietà post coniugale si fonda sui principi di autodeterminazione e auto responsabilità, non si può che attribuire rilevanza alle potenzialità professionali e reddituali personali, che l’ex coniuge è chiamato a valorizzare con una condotta attiva facendosi carico delle scelte compiute e della propria responsabilità individuale, piuttosto che al contegno, deresponsabilizzante e attendista, di chi di limiti ad aspettare opportunità di lavoro, riversando sul coniuge più abbiente, l’esito della fine della vita matrimoniale.”